Stabile/Palazzo
Vittorio Veneto
Serravalle


< Tutti gli immobili

COD: 3172 Categorie: , ,

Descrizione

515m2 |

In Esclusiva. Il palazzetto Dal Mas Antonioli, con affaccio sulla storica Piazza Flaminio è uno dei gioielli segreti di Serravalle. Il contrasto fra i volumi quattrocenteschi e la facciata risalente al Settecento lo qualifica da subito come un enigma architettonico. La possibile ipotesi è che la struttura originaria, forzatamente ridimensionata verso la metà del Cinquecento per far spazio alla strada che avrebbe collegato Serravalle a Belluno, sia stata poi ingentilita, a inizio Settecento dalla facciata tuttora esistente.
Il palazzetto fra i più antichi della piazza è l’unico a godere di tre lati esposti. Il lato est, con il loggiato prospiciente la chiesa, si getta nel Meschio che da secoli ne raffresca le giornate estive (una potenzialità quella del fiume, che con le tecnologie attuali si rivela preziosa per potervi installare di una pompa di calore adatta a generare una autonomia energetica e termica).
La facciata esposta a sud riceve luce dalle ampie finestre fino a tarda sera, mentre il lato ovest si rivela propizio per assorbire gli ultimi raggi del sole. Luce e acqua sono gli elementi che da sempre hanno accompagnato la vita delle numerose generazioni succedutesi al suo interno.
Non abitato da più di mezzo secolo, il palazzo ha subito alla fine degli anni novanta una radicale ristrutturazione volta a consolidarne la struttura e a predisporla alle mutate necessità. L’immobile si compone di tre piani fuori terra per complessivi 515 mq.
Per info 340 4968190
Nel corso delle opere di consolidamento, nel pieno rispetto della storia del edificio, si sono liberati i piani dalle partizioni non portanti. Sono state così ricreate ampi spazi interni per consentirne successive suddivisioni e nuovi utilizzi più consoni alle esigenze odierne.

Il piano terra, adibito a bottega durante il primo Novecento, è di 145 mq. Il successivo piano nobile per 190 mq. dispone di ampie sale luminose tra cui un prezioso tinello completamente affrescato dal pittore vittoriese Pietro Paietta che attraverso il loggiato guarda la facciata del duomo quasi a voler stabilire un’ideale continuità con la pala del Tiziano all’interno della chiesa. Il terzo piano, in origine una soffitta, con il totale rifacimento dell’isolamento e della copertura, con l’inserimento di nuove travi in legno massiccio e l’apertura di luminosi lucernari, ha acquisito un’ulteriore potenzialità abitativa.

Immagini

 

Informazioni aggiuntive

codice_immobile

Citta

Categoria_immobile

Prezzo

Locali

Camere

Bagni

Mq

Box

Mq_box

Mq_giardino

Terrazzi

Classe_energetica

Stato_immobile

Grado

Posizione

Panorama

Lati_liberi

Tipologia

Zona

Letti

Classe

Anno

Prestigio